Ripristino manopola riscaldata F 800 GS

Dopo quasi 11 anni di onorato servizio, la manopola sinistra da un giorno all'altro ha smesso di scaldare, proprio in pieno inverno, una bella scocciatura. Consapevole di come è fatta la resistenza che genera calore, le speranze di riuscire a riattivarla le vedevo molto basse. E' in materiale plastico che racchiude la resistenza vera e propria. La cosa rende irraggiungibile elettricamente il conduttore per farne dei test. C'è da dire che non sono tutte fatte in questo modo, credo che nei primi modelli ci sia un cavo a vista che avvolge la manopola, molto più pratico e funzionale in caso di riparazione.

       

Non so quanto sia una coincidenza o meno, ma si tratta della stessa manopola che qualche mese fa ho lavorato per sostituire la copertura in gomma consumata. Credo che la nuova manopola, non essendo di fatto fissata sopra la resistenza, con il tempo tende a muoversi leggermente, stressando forse la pellicola della resistenza sotto... non lo so, sono solo supposizioni. Fortunatamente, come si vede dalle foto qui sopra, la manopola si riesce a togliere facilemente e si accede di nuovo alla resistenza sotto. Il problema pricipale è stato trovare il modo di arrivare a contatto con la parte metallica delle resistenza stessa sotto la plastica di copertura. Gira che ti rigira, ho pensato dremel, rasando leggermente la superficie, con mooooolta attenzione, si riesce a scoprire il conduttore per fare le verifiche di continuità. 

        

Ho diviso idealmente la manopola in 4 settori, scoprendo il conduttore in 4 punti diversi. Con il tester poi ho verificato la continuità tra i vari settori, ed ho scoperto che in uno di questi, c'era l'interruzione. Individuata la zona, ho scoperto poi altri punti per cercare di restringere più possibile la zona interrotta. In poco tempo ho trovato il punto incriminato. Nella zona interrotta, visivamente non c'era alcun segno di rottura o altro, perfetta, senza problemi visibili. A questo punto ho cercato di scoprire ulteriormente il conduttore per poter tentare una saldatura. Mi sono reso subito conto che il dremel era comunque troppo distruttivo per quanto delicato cercavo di essere. Nella foto qui sopra a destra si vede che ho decisamente esagerato nel tentativo di scoprire il conduttore. Sono passato quindi ad usare cartavetrata fine, e piano piano, con molta pazienza si riesce a scoprire il conduttore in modo perfetto per tentare la saldatura.

        

Con un buon saldatore e un tocco rapido, sono riuscito a fare due discrete saldature per ripristinare la continuità su tutta la resistenza. Sono molto dubbioso sulla tenuta nel tempo di questa riparazione, ho pensato di passare del nastro isolante sia per tenre fermo il pezzo di cavo aggiunto, che per ricoprire le zone che avevo scoperto per trovare l'interruzione. Come di consueto da un pò di tempo, quando posso faccio anche un video del lavoro, che forse chiarisce meglio alcuni passaggi. Qui sotto il video del lavoro completo.


Stampa   Email

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna