Battezzato il GS, buttato a terra!

E finalmente dopo un paio di test in off su vari campetti liberi intorno a Roma, ho portato il GS a Carsoli a fare un giro semi impegnato, l'intenzione era di infilarmi su alcuni tratti discretamente impegnati che ho gia fatto con il Tènèrè, e confrontare le sensazioni... poi però il programma è cambiato vista la presenza di un partecipante che, anche se molto impegnato e volenteroso, non era in grado di affrontare certi passaggi a gas aperto. Poi nel bel mezzo del nulla della foresta, abbiamo beccato un traffico da far invidia al centro di Roma quando ci sono i cantieri aperti... nel video più sotto si capisce cosa intendo, a parole non si può descrivere

        

E proprio per colpa del traffico, ho finalmente battezzato il GS buttandolo a terra! in quel tratto di strada, in discesa con rocce e spuntoni che sbucano dalla terra non si può andare a passo d'uomo, si DEVE andare con un pò di gas aperto a galleggiare sui massi ma invece il traffico appunto, mi ha costretto ad andare a meno che passo d'uomo e 230 kg di moto che vanno per cavoli suoi ad ogni masso scavalcato, non si può resistere... sbattuta a terra due volte alla pollo maniera.

      

Prima o poi doveva succedere, e forse capiterà ancora... il giro, ridimensionato nella difficoltà per agevolare il principiante, è proseguito poi nel passaggio immancabile nella valle incantata che offre panorami sempre spettacolari anche se la conosci a memoria... qui sotto un breve video che comprende i miei due cappottamenti.


Stampa   Email

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna