Sostituire corona pignone e catena sul Tènèrè

Con una certa delusione, a soli 23.000km ho dovuto rifare tutto il trittico... speravo invece di toccare almeno i 30.000km. Nell'ultimo mese dovevo tirare la catena ogni 15 giorni, segno che non c'era più speranza. Per questo lavoro ho deciso di affidarmi ad un amico, uno che ci sa fare ed ha esperienza da vendere, considerando che dall'età di 7 anni ha cominciato a correre, è partito dal motard per poi approdare nell'enduro e gareggiare poi nei motorally, Pierpaoli. La suaofficina si trova qui (via quarto rubbie) e lo consiglio per tutto quello che riguarda la preparazione delle moto di qualsiasi stazza per l'off (e non solo...). Ho deciso di affidarmi a lui perchè ritengo che il trittico sia una parte da non sottovalutare quando la si lavora, se non è fatta a regola e cede per qulsiasi motivo in qualsiasi posto ci si trova, sò veri paduli per il deretano... rimani li dove sei, punto! questo su asfalto, non oso immaginare i guai da risolvere che ci si potrebbe ritrovare se capitasse nel nulla delle montagne. Ho almeno un paio di amici che hanno lasciato la moto li dove si trovava per tornare poi il giorno dopo a riprenderla in qualche modo per problemi alla catena. Quindi, con umiltà ammetto che saprei come fare ma non è un lavoro su cui ho esperienza da vendere, e mi affido a Pierpaoli da cui imparo per il futuro. Nella foto qui sotto a sinistra si vede come la catena pende con un evidente pancia, solo 15 giorni prima era molto più tesa. Si smonta la copertura del pignone per scoprire il dado che blocca il pignone stesso.

  

clicca sull'immagine per ingrandire

 Con l'apposito strumento si smaglia una maglia della catena per poterla poi togliere, niente di complicato, si tratta di un estrattore che preme sui perni della catena e li sfila. Nella foto in basso a sinistra si vede il perno tolto che ha evidenti segni di usura, forse si vede poco ma considerando che sulla catena ci sono circa un centinaio di quei perni, anche se solo si consumano di un decimo di millimetro, questo va moltiplicato per tutti i perni e ci si ritrova cosi con un allungamento della catena non trascurabile.

  

  

clicca sull'immagine per ingrandire

Purtroppo abbiamo trovato poi che i parastrappi erano consumati un bel pò. L'allungamento della catena, e il gioco preso dal parastrappi, aumentano cosiderevolmente l'effetto on off del motore che gia di suo ce l'ha di carattere questa moto.

  

  

clicca sull'immagine per ingrandire

A questo punto si rimonta anche il pignone, e si è pronti ad infilare la catena per poi chiuderla con l'inserimento di una maglia aperta che sarà sigillata con lo stesso strumento usato per aprire la vecchia catena.

  

  

  

clicca sull'immagine per ingrandire

did1did2

La differenza nell'utilizzo della moto con la nuova trasmissione è abbissale, pare di essere alla guida di un cardano. Prima la risposta all'acceleratore, tra il gioco del parastrappi e la lentezza cronica della catena, era ritardata accentuando l'effetto on/off, perdendo in precisione di guida e sensibilita nella manovre soprattutto a bassa velocità, adesso con tutte le parti nuove è molto più comunicativa la moto. 

Aggiornamento Luglio 2016:

La catena sostituita descritta nell'articolo, che risale ad aprile 2013, è riuscita a reggere fino a luglio 2016 per un totale di circa 43.000km, ed era in condizioni pietose. Molte maglie si incastravano tra loro, ogni 2000km dovevo tirarla di nuovo e si sentivano continuamente scrocchi arrivare dalla trasmissione. Sono diventato matto a capire cosa potesse generare scrocchi un pò casuali in marcia, non pensavo che la catena potesse emettere rumorosità cosi forti da sentirsi con il motore acceso, ma alla fine mi sono dovuto ricredere e convincere a cambiare la catena, e tutti i rumori strani sono spariti. Qui sotto le foto la dicono lunga sulla fatica che ha sopportato con un allungamento di circa 5/7cm.

      

 


Stampa   Email

Commenti  

0 # Pier Paolo 2015-01-08 10:02
Complimenti per l'articolo, molto completo e ben fatto, immagini che rendono perfettamente l'idea. Una risorsa fondamentale nel web!!! Ti seguo con molto interesse.Avrei qualche domanda da farti 1) il trittico che hai fatto mettere è originale yamaha? 2) volendo dare maggior ripresa alla moto, dovrei mettere un pignone con un dentino in meno?E Se agissi invece sulla corona cosa cambierebbe. Inoltre qual è secondo te un trittico di buona marca? Grazie mille
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione | Segnala all'amministratore
0 # paolo.f 2015-01-08 10:03
Ciao! grazie per i complimenti e per apprezzare il sito che con molta fatica e poco tempo cerco di mantenere... :-)
Il trittico è did 520V o VX non ricordo adesso di preciso, ricordo però che l'indice di rottura per questa catena è più alto dell'originale. Sparando un pò di numeri a memoria, mi sembra di ricordare che la catena originale ha un indice di rottura tipo a 38, mentre questa did a 42. C'è un modello ancora più resistente con indice a 46 mi pare... i valori che ti sto dando sono puramente indicativi e a memoria, potrebbero essere sbagliati ma ti do per certo che l'indice di rottura è maggiore dell'originale. A fine articolo ho aggiunto un paio di foto della catena.
Per dare più ripresa alla moto puoi intervenire sulla trasmissione basandoti sul concetto fondamentale che se agisci sulla corona, la leva di trazione deve aumentare, mentre se agisci sul pignone deve diminuire. Quindi, o un dente in meno sul pignone, o due denti in più sulla corona e il risultato finale sarà più o meno lo stesso, cioè un aumento del numero dei giri del motore (quindi cavalli sviluppati) per spingere in avanti la moto, cioè un motore più vivace. Perderai però in velocità di punta perchè per tutte le marce il motore lavorerà ad un numero di giri maggiore.
Questo ti porterà ad avere anche un contakm ancora più sballato di quello che gia è perchè la velocità mi pare che sia rilevata sul cambio e non alla ruota.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione | Segnala all'amministratore
0 # Cristiano 2015-01-08 10:03
IAO BEL ARTICOLO ! io sono alle prese con la mia mt 03 come si smonta il pignone? ho la pistola.. anti orario giusto ? si mette la prima o la folle? la moto deve star sul cavalletto o no ? va fatto prima o dopo aver levato la ruota dietro? faccio tutte queste domande perchè ho levato tutto ruota corona e catena ma sto benedetto pignone non si leva.. gira con la trasmissione.. ( ovviamente ho alzato le 2 linguette a lato del bullone..)
Grazie per ogni dritta!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione | Segnala all'amministratore
0 # paolo.f 2015-01-08 10:04
Ciao, scusa il ritardo per risponderti.... con le vacanze di messo poi.... forse hai gia risolto. Comunque, a parer mio non è una buona cosa usare la pistola sul pignone con marcia inserita... è più logico allentare il dado del pignone quando tutto è montato, cambio in folle e freno dietro bloccato. In questo modo puoi agire con la pistola come e quanto vuoi, e non solleciti il cambio. Il freno dietro ti tiene la ruote ferma, che con la corona, tramite la catena, tiene fermo il pignone in posizione.
Al massimo solleciti la catena che tanto stai per cambiare, ma il resto del motore è tutto libero da vibrazioni o colpi anomali.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione | Segnala all'amministratore

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna